» MENU

Dove sei: Homepage > Tempo libero > Notizie Tempo libero > Cinema Castellina, 5 luglio - 23 agosto

Tempo libero

Cinema Castellina, 5 luglio - 23 agosto

05-07-2019

Cinema Castellina, la rassegna gratuita di serate con cinema all'aperto a cura di ARCI Ferrara, si terrà dal 5 luglio fino al 23 agosto tutti i venerdì sera in Piazzale Castellina che, per l'occasione, si trasformerà in un’arena cinematografica estiva con 200 posti.

L'iniziativa si svolge nell'ambito del progetto Giardino WOW, volto a promuovere momenti collettivi di sport, movimento, musica e cultura per animare il Quartiere Giardino nel mese di luglio. (Per informazioni su altri eventi di Giardino WOW visitate il sito www.giardinowow.it)

L’obiettivo è quello di trasformare la piazza in un luogo di socialità e aggregazione coinvolgendo i residenti della zona e i cittadini ferraresi. La fruibilità di Piazzale Castellina come arena cinematografica consentirà di creare un nuovo spazio di socializzazione e di stimolo culturale. Verranno proposti film italiani e stranieri e una selezione di titoli restaurati della Cineteca di Bologna.

Quest'anno il programma è stato scelto dai cittadini e residenti stessi grazie alla somministrazione di un questionario online con il quale è stato possibile scegliere tre titoli desiderati tra quelli proposti.

L'evento è gratuito e ad accesso libero, le proiezioni iniziano alle ore 21:30

Primo film in programma:

venerdì 5 luglio - ore 21.30, AMARCORD, regia di Federico Fellini - (Italia/Francia, 1973 - 127')

Restauro di uno dei più apprezzati titoli dell'iconico Fellini, il film racconta di un piccolo borgo romagnolo degli anni Trenta riassumendo una delle più penetranti immagini dell’Italia secondo il regista: un piccolo mondo immaturo e conformista, succube di un regime becero e mistificatore, o tristemente impotente di fronte alle sue violenze. A Borgo, tra il 1930 e il 1935, l’adolescente Titta cresce subendo condizionamenti entro e fuori dell’ambito domestico. Mentre tenta di affermare la propria personalità, gli sovvengono molteplici ricordi. Suo padre Aurelio è un piccolo impresario edile perennemente in discordia con la moglie Miranda; zio Pataca vegeta alle spalle dei parenti; zio Teo è ricoverato in manicomio; il nonno si gode egoisticamente una salute di ferro, non trascurando di prendersi delle libertà con la domestica. Nella provinciale cittadina emergono: Gradisca, una procace parrucchiera; Volpina una ragazza un po’ scema e priva di freni inibitori; una tabaccaia mastodontica, quasi mostruosa; un avvocato dalla retorica facile e magniloquente; Giudizio, il matto; Biscein il bugiardo; il motociclista esibizionista e tutta una galleria di personaggi che, agendo nel mondo della scuola, della chiesa, e nelle feste fasciste, nelle celebrazioni folcloristiche o negli avvenimenti eccezionali, rivelano caratteristiche bislacche.

Tutto il programma:

http://www.arciferrara.org/notizie/761/cinema-castellina.html

Immagini: