» MENU

Dove sei: Homepage > Tempo libero > Notizie Tempo libero > ZION STATION - DUB ROOTS AND CULTURE FESTIVAL, 21-24 giugno a Gambulaga!

Tempo libero

ZION STATION - DUB ROOTS AND CULTURE FESTIVAL, 21-24 giugno a Gambulaga!

21-06-2018

Grandi artisti nazionali e internazionali, aggregazione e partecipazione tra musica e natura, volontariato ed ecologia: tutto questo -e non solo- è Zion Station Festival!

Il festival, uno dei migliori eventi di musica Dub, Roots e Reggae in Europa, giunto alla sua ottava edizione, quest’anno si terrà dal 21 al 24 Giugno 2018 presso l'Agriturismo ai Due Laghi del Verginese, frazione di Gambulaga e comune di Portomaggiore. La nostra associazione promuove da sempre momenti di aggregazione e partecipazione attraverso l’arte e la cultura insite nella musica e agisce nel rispetto del prossimo e della natura, cercando di limitare il più possibile l’impatto che una manifestazione di tale portata comporta sull’ambiente. Così, nella splendida cornice naturale in cui è inserito, il festival è cresciuto di anno in anno grazie all’impegno di tutti e alla partecipazione di un numero di persone sempre più numeroso: intere famiglie, gruppi di amici e singoli individui di tutte le età e nazionalità che si incontrano in una realtà sempre in crescita.

Incentrando il proprio programma artistico sui sound system roots e dub reggae, il festival ospita quest’anno artisti nazionali e grandi nomi internazionali: uno di questi sarà U-Roy, per l’unica data nel Nord Italia, attivo dal ’61 e conosciuto anche come “The Originator”, disc Jockey e toaster giamaicano, è noto soprattutto per essere stato uno dei fondatori del Dj Style, uno stile di reggae che ha ispirato direttamente il rap statunitense, insieme a lui Mad Professor, maestro del dub originario e produttore da ormai più di quarantanni. E ancora ospiti di grande calibro come Channel One, sulla scena dub londinese da oltre trent’anni e ancora Iration Steppas, Kibir La Amlak, Moa Anbessa, Imperial Sound Army, Echotronix, Blackstar Line e tantissimi altri.

Oltre a rinnovare annualmente la line up al fine di offrire performance musicali sempre nuove e di gran livello, si è cercato continuamente di ampliare i servizi agli utenti che di anno in anno crescono o rinnovano la fiducia al festival, attuando workshop e laboratori creativi per i grandi e i più piccoli, momenti di intrattenimento con artisti, writers e giocolieri, area artigianato, spazio espositivo, area ristoro con prodotti di produzione locale e non, zona relax e lake-yard presso la zona balneabile dell’area.
In loco abbiamo sviluppato un punto di informazione dedicato all’esigenze dei nostri ospiti e che ci permette di divulgare i nostri obiettivi, fra cui anche la tutela dell’ambiente: un esempio in sintonia con la filosofia sostenibile adottata dal festival ad esempio, è il servizio di carsharing con il quale si è cercato di ottimizzare gli spostamenti riducendone l’impatto sull’ambiente.

Sollecitiamo i nostri ospiti a eseguire con criterio la raccolta differenziata in collaborazione con CLARA (Area Copparo S.p.a. – Cmv): all’interno dello staff c’è un comparto operativo dedicato, formato da volontari che aderiscono al progetto recependo il “bando” dal sito (http://www.zionstation.it), al quale rispondono da tutta Europa (Francia, Germania, Austria, Svizzera, Spagna, ecc.).

Quest’anno abbiamo rinnovato la nostra guida al festival, redatta anche in inglese per tutti quegli utenti e volontari che aderiscono al festival da tutta Europa: la guida informa sulle regole generali del festival, come raggiungerlo, sullo svolgimento delle varie attività, sull’organizzazione dell’Ecofestival e offre una mappa completa dell’area del festival al fine di potersi ben orientare al suo interno.

Oltre la guida cartacea (disponibile online: http://www.zionstation.it/GuidaZionStationFestival.pdf ), resta comunque a disposizione di tutti un banchetto informativo che, posto all’ingresso, accoglie gli utenti e offre informazioni di vario tipo sui servizi dell’evento e del territorio in generale.

Anche sotto l’aspetto umano e di condivisione dunque, il festival promuove l’incontro tra tantissimi giovani volontari animati da un grande spirito di collaborazione: in linea con i nostri principi e i nostri obiettivi il team zion è da sempre fonte di ricchezza e modello per la costruzione di buone prassi di relazione e volontariato, oltreché sostegno alle giovani realtà del territorio e promozione all’ecologia e alla cittadinanza attiva. Su queste basi e con la speranza che tali realtà crescano sempre più in Italia, ci auguriamo – da parte nostra- di costruire un tassello importante di un più grande sistema di aggregazione e partecipazione territoriale.

L’evento è realizzato dallo staff del Circolo Arci Bolognesi, in collaborazione con ARCI Ferrara, ARCI Emilia Romagna e il patrocinio del Comune di Portomaggiore.

Immagini: