Informagiovani Ferrara Comune di Ferrara
Newsletter tempo libero

Newsletter tempo libero 18 novembre 2022

Il 19/11 EEquilibrium Tremens al teatro Ferrara Off

18-11-2022

La stagione Autunno/Inverno del teatro Ferrara Off prosegue il 19 novembre alle 21 in viale Alfonso I d'Este 13 a Ferrara con uno spettacolo di circo contemporaneo.
Protagonista sarà Marco Borghetti che assieme ad Andrea Bochicchio è attualmente ospitato in residenza artistica presso gli spazi del Baluardo della Montagna.
Il loro progetto è tra quelli selezionati in occasione della prima Chiamata OFFline, indetta da Ferrara Off a sostegno di compagnie emergenti. Si ricorda che la seconda Chiamata Offline è aperta fino al 30 novembre.
Mentre la coppia artistica lavora su una proposta che verrà presentata al pubblico a dicembre, sabato Borghetti si esibirà in equilibrismi e clownerie con lo spettacolo "Equilibrium Tremens". L'esibizione, ricca di colpi di scena inaspettati, vede l’utilizzo non di clave e monocicli, ma di comunissime scope per pulire. Borghetti interpreterà Philip Sutil, un gentiluomo magro e agile che ama le donne e ballare e trasporterà il pubblico nel suo assurdo mondo. Lo spettacolo è adatto a un pubblico dai 6 anni in su.
Biglietto unico a 5 euro. Per prenotazioni e informazioni info@ferraraoff.it e 3336282360.

Sabato 19/11 è di scena Harp vs Harp, progetto di Edmar Castaneda e Grégoire Maret che promette scintille al Torrione

17-11-2022


Sabato 19 novembre (ore 21:00) è di scena al Torrione Harp vs. Harp, progetto che vede Grégoire Maret all’armonica cromatica e Edmar Castaneda all’arpa elettrica. Harp vs. Harp è un autentico incontro tra due dei massimi specialisti mondiali dei rispettivi strumenti in un contesto estremamente peculiare, non tanto per la formula del duo, cara a moltissimi improvvisatori, quanto per l’accostamento tra due strumenti il cui utilizzo nell’ambito jazzistico è decisamente inusuale.


Immagini: Edmar Castaneda - Grégoire Maret

INFORMAZIONI
www.jazzclubferrara.com
jazzclub@jazzclubferrara.com

Parte il 17 novembre dal Padova Jazz Festival il tour JONI di Rossana Casale

17-11-2022

Il 4 novembre scorso è uscito lo splendido album JONI su Etichetta Incipit Records distribuzione Egea, raffinato tributo di Rossana Casale alla cantautrice Joni Mitchell.
14 tracce per un’esperienza intensa e poetica di 70 minuti attraverso alcune delle canzoni più importanti della cantautrice americana con un inedito In and Out of Lines omaggio della Casale alla stessa Mitchell. E sarà il prestigioso Padova Jazz Festival giunto quest’anno alla sua ventiquattresima edizione, ad ospitare la prima data del tour giovedì 17 novembre al Teatro Verdi (secondo set).

La prima parte del tour toccherà luoghi importanti come l’Auditorium Puccini di Torre del Lagoall’interno del mese pucciniano e approderà il 23 dicembre alla prestigiosa Casa del Jazz di Roma. Sul palco insieme a Rossana Casale: Emiliano Begni al pianoforte, Ermanno Dodaro al contrabbasso, Francesco Consaga al sax soprano e flauto traverso, Gino Cardamone alla chitarra.

Calendario in aggiornamento e info su www.rossanacasale.it
Booking Zenart: booking@zenart.it Tel 3938386780

Una goccia di Dino Buzzati venerdì 18 novembre al Teatro Comunale di Ferrara.

17-11-2022

Proposto in prima assoluta e primo spettacolo in calendario per la Stagione di Opera e Balletto, Una goccia di Dino Buzzati è un’opera in un tempo per arte drammatica, musica e arte visiva, in programma venerdì 18 novembre alle 20.30 al Teatro Comunale di Ferrara.

Opera contemporanea diretta dal regista e attore Pietro Conversano e realizzata in occasione delle celebrazioni per il cinquantesimo anno dalla morte di Dino Buzzati, Una goccia è una coproduzione del Teatro Comunale di Ferrara e di Istantanea. L’Ensemble Istantanea si confronta con un autore poliedrico e un ingegno multiforme che affermava che “dipingere e scrivere in fondo sono la stessa cosa” in quell’incessante dialogo inter artes di cui lo stesso Buzzati si è nutrito.

Biglietti 15 euro (intero), ridotto 12 euro. Info e vendite su www.teatrocomunaleferrara.it, su Vivaticket e in biglietteria del Teatro.

Cena al buio “Scopriamo nuovi orizzonti” Sabato 3 e domenica 4 dicembre

15-11-2022

Risvegliare i sensi non visivi, accompagnati da guide non vedenti esperte e qualificate. E’ questo l’obiettivo della Cena al buio “Scopriamo nuovi orizzonti”, organizzata nell’ambito di Unife Inclusiva dall’Ufficio di Coordinamento delle Politiche di inclusione dell’Università di Ferrara in collaborazione con l'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, sezione di Ferrara.

L’iniziativa, in programma sabato 3 dicembre per studentesse e studenti universitari domenica 4 dicembre per tutta la città alle ore 20 a Cucina Aldighieri, (via Aldighieri, 3), propone una situazione molto comune e conviviale in un contesto sicuro e in compagnia di altre persone, ma completamente al buio, cioè in assenza della vista.

La Cena offre l'opportunità di vivere un'esperienza nuova, affidandosi agli altri sensi per percepire in modo diverso l'ambiente che ci circonda.

È importante parteciparvi mettendosi pienamente in gioco e predisponendosi ad accogliere le sensazioni, le difficoltà e le scoperte che potranno nascere nel corso della serata.

"Si tratta di un'occasione in cui sperimentare esperienze quotidiane come cibo e convivialità, decostruendole completamente e ricostruendole con nuove immagini mentali evocate dalla valorizzazione degli altri sensi oltre alla vista: odori, sapori, suoni e dialoghi – afferma Tamara Zappaterra, Prorettrice alla Diversità, Equità e Inclusione di Unife -. Un incontro non solo per sensibilizzarci alla condizione delle persone cieche, ma in cui comprendere, in linea con i principi della Classificazione Internazionale del Funzionamento (OMS, 2001), come siano effettivamente i contesti a determinare limiti e potenzialità di ogni persona".

 

Nel corso della cena il personale non vedente si prenderà cura dei commensali, inviterà le/i presenti a esplicitare i propri pensieri e sarà disponibile a rispondere a tutte le esigenze e a tutte le domande.


"Finalmente, dopo quasi 3 anni di stop dovuti alla pandemia, l'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, sezione di Ferrara, è lieta di rioffrire a chi lo desideri il vissuto di una cena al buio – commenta Alessandra Mambelli, Presidente della sezione ferrarese dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti -. Questa esperienza permette di sperimentare difficoltà prevedibili e non, scoprire strategie insospettate per affrontare la situazione e prestare più attenzione ai messaggi provenienti da tutti gli altri 4 sensi, aprendo la mente a tutti gli stimoli che via via insorgono”.


Per partecipare è necessario prenotare entro le ore 17 di mercoledì 30 novembre, inviando una email all’indirizzo inclusione@unife.it (indicando nell’oggetto “Prenotazione cena 3 o 4 dicembre”) per un massimo di 50 partecipanti a serata. La quota di iscrizione è di 30 euro a persona. E’ necessario segnalare eventuali intolleranze, allergie e preferenze alimentari.



Pèz da 90, Straferrara torna in scena il 22 novembre al Teatro Comunale di Ferrara con il nuovo spettacolo per i 90 anni della compagnia

15-11-2022


Martedì 22 novembre alle 20.30 al Teatro Comunale di Ferrara, in occasione del 90esimo anniversario della storica compagnia dialettale, Straferrara presenterà il suo nuovo spettacolo, Pèz da 90, un puzzle delle scene più esilaranti tratte dalle commedie più brillanti rappresentate dalla compagnia dal 1931 a oggi. Lo spettacolo è dedicato a Ultimo Spadoni e Beppe Faggioli, anime della compagnia.

“Come diceva Pasolini, il contadino che parla il suo dialetto è padrone di tutta la sua realtà - ricorda l’assessore alla cultura, Marco Gulinelli - E, in tal senso, la Straferrara fa parte del nostro bagaglio culturale ed è un patrimonio insostituibile della nostra collettività. Il mio auspicio è poter portare questa compagnia ancora di più tra la gente, e creare un luogo della memoria dove poter custodire foto, materiale scenico, costumi e copioni della compagnia”. Quanto a una sede per Straferrara, potrebbe essere valutata, in futuro, una volta terminati i lavori, la sala Boldini. Oltre al ringraziamento di Rossana Spadoni, che porta avanti la compagnia, un ricordo di Gulinelli è stato rivolto anche “all’indimenticabile e indimenticato Beppe Faggioli, scomparso 8 anni fa”.

“La compagnia - che ha 91 anni e non si è mai fermata, nemmeno in tempo di guerra - è attualmente composta da 25 attori, e tre giovani debutteranno proprio al Comunale - spiega Rossana Spadoni -. Attraverso otto scenette in Pèz da 90 troveremo l'evoluzione del dialetto a Ferrara, e con esso della nostra cultura popolare”. Con sé ha uno dei 54 registri dove venivano annotati i conti della compagnia: “Nella stagione 1931/32 sono stati realizzati dalla Straferrara 149 spettacoli, dal 1942 al ‘45 si variava, era periodo di guerra, e sono stati fatti 42 spettacoli, il boom fu negli anni Sessanta con picchi di 203 spettacoli all’anno. IL biglietto costava due lire, gli attori venivano pagati dai 15 alle 20 lire. Durante la guerra, nel quaderno dei conti veniva riportato anche il clima, se c’era pioggia, se c’era bel tempo, non ci siamo mai fermati, nemmeno quando cadevano le granate”. Straferrara è anche un segno dei tempi: “Ora se non c’è la battuta spinta, un po’ volgarotta, sembra che uno spettacolo non faccia nemmeno ridere. Da noi tutto è basato sull’equivoco, abbiamo sempre puntato sulla comicità e sul saper far ridere”.

La Straferrara, fondata nel 1931 dall’eclettico Ultimo Spadoni, capocomico sino al 1967, passò poi alla conduzione del genero Beppe Faggioli, indimenticabile interprete. Dal 2014 l’anima della compagnia è diventata Rossana ‘Cici’ Spadoni, figlia di Ultimo e moglie di Beppe, ex “bimba prodigio” e tuttora inossidabile attrice. La Straferrara in questi 90 anni ha messo in scena circa 7000 spettacoli (in un solo anno addirittura 180), ha ottenuto tantissimi premi tra cui una Medaglia d’Oro a livello nazionale, al suo interno si sono avvicendati più di 140 attori. Le sue commedie hanno sempre svolto l’importante funzione di mantenere vivo il dialetto ferrarese, esse riportano anche ai cari ricordi delle realtà vissute a Ferrara, la natura comica dei testi è il valore aggiunto della compagnia. 

Gli attori in scena il 22 novembre saranno Rossana Spadoni, Alessandro Cattabriga, Daniele
Finotti, Grazia Nicodemi, Carla Solitario, Roberto Pavani, Giacomo Mezzadri, Luigi Rimondi,
Danilo Valieri, Chiara Cerini, Maurizio Franchini, Sergio Cavallari, Maria Fonsati, Stefano
Duo, Maria Grazia Mondini, Laura Caniati, Silvia Soffritti, Enrico Selmi, Elisa Caselli, Sergio
Finessi e Rino Gardenghi.

Biglietti a 8 e 10 euro, in vendita online sul sito del Teatro Comunale di Ferrara e in
biglietteria del teatro.

il Festival Trasparenze di Teatro Carcere fa tappa al Teatro Nucleo il 15 e 16 dicembre

15-11-2022

Giovedì 15 dicembre (ore 19) il sipario del Teatro Julio Cortazar di Pontelagoscuro ( Fe) (via Della Ricostruzione, 40) si apre su Album di Famiglia del Teatro Nucleo, conferenza spettacolo di Marco Luciano liberamente ispirata alla figura di Amleto e alle sue varie riscritture contemporanee, da Laforgue a Heiner Muller, con la partecipazione in video degli attori detenuti della Casa Circondariale C. Satta di Ferrara. 

Il giorno dopo, venerdì 16 alle 19, sempre il Teatro Nucleo è nella Casa Circondariale, “C.Satta”, di Ferrara (via Arginone, 327) con Agnusdei, spettacolo liberamente ispirato alle lettere dal carcere di Antonio Gramsci, con la regia di Marco Luciano, che firma anche la drammaturgia, e la collaborazione del regista argentino Horacio Czertok. In scena gli attori detenuti della Casa Circondariale di Ferrara.
Lo spettacolo ha posti limitati ed è richiesta la prenotazione a info@teatronucleo.org entro il 20 novembre, con copia di carta di identità per le verifiche necessarie all'accesso al carcere.

La seconda edizione del Festival Trasparenze di Teatro Carcere è un percorso, dal 4 novembre al 17 dicembre 2022, tra gli spettacoli del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, formato delle compagnie che operano con progetti teatrali nelle carceri della regione Emilia-Romagna, organizzato dal Teatro del Pratello Cooperativa Sociale in collaborazione con il Coordinamento Teatro Carcere Emilia-Romagna e sostenuto dal Ministero della Cultura. Peculiarità del progetto artistico del festival è lo sviluppo di un tema comune tra le attività teatrali attive in 14 sezioni di 8 Istituti Penitenziari per adulti: Bologna, Ferrara, Forlì, Ravenna, Parma, Castelfranco Emilia, Modena, Reggio Emilia e con minori in carico ai Servizi di Giustizia Minorile.

FESTIVAL INDACO - 18 E 19 NOVEMBRE ad OFFCINA MECA, FERRARA

14-11-2022

FESTIVAL INDACO - DOPPIO APPUNTAMENTO con la danza contemporanea le arti performative A FERRARA il 18 e 19 novembre presso Officina Meca

 

Venerdì 18 e sabato 19 novembre arriva il Festival Indaco a Ferrara presso gli spazi del circolo Arci Officina MECA, viale Cavour 189. Saranno due gli appuntamenti ideati per la tappa ferrarese, rispettivamente una performance e un workshop di danza contemporanea e arte performativa, ultimi incontri di una rassegna di dimensione sovralocale, nella quale si alternano momenti esperienziali e performativi. Filo rosso degli incontri è il corpo e la sua espressione attraverso pratiche di movimento per costruire nuove narrazioni e pratiche di accettazione.

 

Le iniziative all’interno del festival si sono tenute nelle città di BolognaRimini e ora è giunto a  Ferrara; tra le artiste coinvolte troviamo: Ambra StucchiAl.Di.Qua ArtistsFrancesca Caselli e Ofelia Omoyele Balogun; mentre i tre focus formativi sono: abilismo, decolonizzazione dei corpi e cultura Queer.

 

Venerdì 18 alle ore 20.30 ESTRANEE di Francesca Caselli, danzatrice di DNA dance company, per la compagnia francese Malaxe e con ootherside collective, di cui è una delle fondatrici, invita altre donne ad interrogarsi sulla sensazione di distacco e giudizio rispetto al proprio corpo e sulle possibili azioni per riappropriarsene. Idea e coreografia di Francesca Caselli, musica di Alessio Bettoli, interpretazione di Francesca Caselli, Antonella Sannino, Maud Gibudeau e Magdalena Wojcik, realizzazione video Mattia Nicolai.

 

Sabato 19 dalle 10.00 alle 13.00 si terrà il workshop SEGNI PROPRI di Diana Anselmo, Il  laboratorio si propone di smantellare con tutta la cura pestifera e necessaria, il mito del corpo abile e indossabile partendo da un affondo teorico sui temi dello stigma e su come le interazioni sociali mutino quando vi è la presenza di un elemento considerato di discredito, approdando poi alla seconda parte, più pratica, che riguarderà il corpo nel contesto urbano come segno di non conformità, di dirottamento delle norme sociali, di rivolta e di riappropriazione. Diana, è attivista e performer sui temi del Transqueerfemminismo intersezionale, nonché presidente di Al.Di.Qua Artists,  prima associazione italiana che raccoglie artisti e artiste con disabilità che lavorano per riappropriarsi della visibilità e della corretta narrazione di tutti i corpi in ambito artistico. Fa parte del collettivo, tra le altre, la danzatrice e performer Chiara Bersani, in passato ospite della programmazione di danza contemporanea 2019 del Teatro Comunale di Ferrara con lo spettacolo “Gentle Unicorn”.

 

Iscrizioni al workshop, per un massimo di 15 partecipanti, a info@arciferrara.org.

Workshop e spettacolo sono gratuiti e aperti ai soci e alle socie Arci, con possibilità di tesseramento in loco.

 

Il Festival Indaco è finanziato dal bando regionale della legge 37/94 ed attraverso una formazione itinerante, orizzontale e partecipata mira a creare uno scambio di saperi e pratiche tra i formatori e coloro che vengono formati.

 

Gli obiettivi principali del progetto sono sia di recuperare e valorizzare la cultura popolare, storie e tradizioni locali emiliano-romagnole, sia di altre culture fortemente presenti nella nostra regione, ad esempio relative a persone italiane di seconda generazione o richiedenti di asilo.  Festival Indaco vuole sostenere la realizzazione di iniziative legate al mondo della danza contemporanea e all’arte performativa, alle danze della diaspora alle danze europee e autoriali, offrendo occasioni di socialità, confronto, discussione e riflessione. Le performance vogliono aprirsi ad un pubblico che raramente accede ad offerte culturali e promuovere la realizzazione di progetti integrati favorendo l’aggregazione e l’interazione fra vari soggetti.

Molto più di un pacchetto regalo - Iniziativa di volontariato

14-11-2022

“Molto più di un pacchetto regalo!” è un’iniziativa volta a sensibilizzare la clientela delle librerie sulle  tematiche riguardanti gli squilibri tra Nord e Sud del mondo e a raccogliere fondi per sostenere  l’impegno di Mani Tese. 

Dal 2 al 24 dicembre Mani Tese e i suoi volontari saranno presenti in circa 70 librerie in tutta Italia per  realizzare pacchetti regalo e in questo modo contribuire a supportare i progetti volti a garantire la  sicurezza, l’autonomia e l’emancipazione alle donne in Benin, Burkina Faso e Guinea-Bissau. (si veda  Allegato scheda progetto per la presentazione e descrizione dei progetti). 

Stiamo cercando volontari che ci aiutino a realizzare l’iniziativa dedicando alcune ore del proprio  tempo libero a questa attività, partecipando nel mese di dicembre ad almeno un turno di circa 4 ore al  banchetto Mani Tese nella libreria laFeltrinelli di Ferrara in Via Garibaldi.

Durante ogni turno, i volontari e le volontarie: 
- impacchetteranno gli acquisti di Natale dei clienti delle librerie;
- distribuiranno il materiale informativo sull’Associazione;
- inviteranno la clientela delle librerie a sostenere liberamente con un’offerta il lavoro di Mani Tese. 

La proposta di volontariato è rivolta a ragazze e ragazzi che al momento della partecipazione abbiano  compiuto 16 anni. Inoltre l’Associazione rilascerà un attestato di partecipazione all’iniziativa che potrà valere come  credito formativo. 

PER INFORMAZIONI E ADESIONI
Ufficio sensibilizzazione e promozione del volontariato
Telefono: 3401641474
e-mail: volontari.natale@manitese.it
https://www.manitese.it/campagne/molto-piu-di-un-pacchetto-regalo
Facebook: www.facebook.com/ManiTese
Twitter: https://twitter.com/ManiTese
Instagram: www.instagram.com/mani_tese
You Tube: Mani Tese Nazionale


Garden Club Ferrara - docufilm Monty Don e i Giardini Americani

14-11-2022

15 - 22 - 29 novembre 2022 - ore 16:00
Biblioteca Comunale Bassani di Ferrara (Via Grosoli 42)
I documentari di Monty Don:
“Giardini americani”
L’iniziativa è aperta alla cittadinanza.
Presso la Sala Auditorium della biblioteca Bassani di Ferrara, si propone la visione dei documentari
di Monty Don, prodotti dalla BBC. Tre episodi di circa un'ora, in lingua originale.
Nella serie di quest'anno Monty Don, orticoltore, giornalista e scrittore britannico, viaggerà alla
scoperta dei giardini nord-americani, attraversando tutti gli States, dal Missouri fino alla California,
per terminare a New Orleans, nella piazza dove è nato il jazz.
Un percorso che, attraverso i giardini, racconta anche la storia e la cultura nordamericana.
Giovanna Mattioli, curatrice della rassegna, introdurrà la serie e ci accompagnerà traducendo dalla
lingua originale.

Domenica 20 novembre un'altra splendida serata di tango a Settepolesini

14-11-2022

Musica di qualità... e Buffet per tutti!
Domenica 20 Novembre torna Via Comunale 107, la Milonga informale e amichevole che rispetta lo spirito del tango tradizionale.

a Via Comunale 107 si balla dalle 17:30 alle 22:30

...e verso le 20.00 buffet per tutti

musicalizza con la consueta sensibilità RITA

Vi chiediamo cortesemente di prenotare per aiutarci ad organizzare al meglio la serata (soprattutto il buffet... )

via Comunale 107 - Settepolesini (Fe, a 3 km da Bondeno)

una splendida sala ricambio naturale dell'ariapavimento in parquetacustica perfettarispetto delle normative anti covid.

contributo: 12 euro

richiesta tessera faitango

informazioni 3470455351 - www.tangote.it 

Agenzia Informagiovani - via Boccacanale di S. Stefano 14/e, 44121 Ferrara - www.informagiovani.fe.it - informagiovani@comune.fe.it

Informativa sulla privacy
Ai sensi del D.Lgs 196/2003, La informiamo che il Suo indirizzo e-mail è stato reperito grazie all'adesione al servizio da noi ricevuta. Il Suo indirizzo e-mail non verrà divulgato in nessun modo e potrà in qualsiasi momento disattivare il servizio newsletter.

Modifica le tue impostazioni di iscrizione